Case History SOFORT, l’online banking per pagare sul web tramite bonifico

sofort-banking

L’articolo di oggi ha come spunto la case history pubblicata su ecommerceguru.it (nostri ottimi amici).

Come pagare online tramite bonifico senza dover interrompere il flusso di acquisto sul web? La soluzione è SOFORT, il sistema di pagamento online nato in Germania, nella città bavarese di Gauting,  nel 2005, già consolidato in Austria e Svizzera ora in diffusione anche in Italia, Olanda, Belgio, Regno Unito, Polonia, Francia e Spagna.

L’innovazione di SOFORT è la possibilità di effettuare un pagamento online tramite bonifico integrando l’online banking dell’utente nell’esperienza d’acquisto dello shop online. Il tutto avviene attraverso una schermata durante la transazione, che collega il carrello dello shop online con il sistema di online banking dell’utente.

Facile, sicuro e veloce. Sono questi i tre aggettivi che meglio descrivono SOFORT.

Facile perché l’utente che lo sceglie per il pagamento online non deve fare altro che inserire i suoi dati di home banking che non verranno memorizzati una volta terminata la transazione, i dati del destinatario, l’importo e la causale sono già automaticamente inseriti dal sistema.

Sicuro perché ha la doppia certificazione Tüv (Pin e Tan) e perché finora non si sono verificati casi di frode (su una media annuale di 15-20 milioni di transazioni).

Veloce perché il bonifico viene instradato immediatamente, così si velocizzano i tempi di spedizione della merce.

In otto anni l’autorevolezza di SOFORT è cresciuta rapidamente, al punto che è diventato uno dei sistemi di pagamento più popolari in Germania dove è stato utilizzato già dal 51% della popolazione, superando addirittura le carte di credito e Paypal.

Oggi l’azienda è pronta ad aumentare la presenza anche nel resto d’Europa. Sono oltre 25 mila infatti i siti di ecommerce che offrono questa alternativa di pagamento e l’Italia potrebbe essere uno dei prossimi paesi a venire investita da questa ondata di novità nei pagamenti online, dal momento che il servizio per ora è integrabile con il 94% dei conti bancari presenti sul territorio, ma questa percentuale è in rapida crescita.

Speak up! Fateci sapere cosa ne pensate.