Vendite: Intel in flessione ad inizio 2013

intel logon

Tempi di crisi, anche per colossi dell’industria come Intel. La notizia non farebbe tanto scalpore se ad ammettere un effettiva difficoltà nel primo trimestre del 2013 è la stessa Intel, che pubblica i suoi risultati finanziari del periodo registrando una perdita non indifferente.  Andando nel dettaglio la contrazione dell’area più prettamente PC è pari al 6%, mentre la divisione elettronica meno incentrata sul mercato dei terminali registra una perdita più consistente con tonfo del 9% rispetto al 2012. A sorpresa e decisamente in controtendenza rispetto agli altri settori industriali il settore Data registra invece un incremento del fatturato pari al 7,5% rispetto al 2012. Purtroppo sempre per stessa ammissione di Intel, il rischio concreto che il secondo trimestre del 2013 vada peggio del primo, è assai probabile se non scontato.

In termine di fatturato totale registrato il primo trimestre si è chiuso con un 12,6 miliardi di incassi, ma storicamente il secondo trimestre dell’anno ha sempre riservato piacevoli risalite delle vendite per la produttrice americana. Intel prevede un arco di vendite piuttosto variabile, da una sottostima addirittura del primo periodo dell’anno, fino ad un incremento di circa un miliardo e mezzo di euro di fatturato rispetto al periodo gennaio-marzo.  Sorprende dunque notare come le vendite stimate da Intel nelle possibilità più rosee, corrispondano all’incirca a quelle registrate nell’anno precedendo, lasciando intravedere in modo chiaro come Intel stessa preveda un sostanziale ridimensionamento del suo fatturato nel lungo periodo. Ciò nonostante il colosso americano ha prospettato di sbagliarsi, augurandosi come lecito che la tendenza generale dei mercati si manifesti da qui a poco tempo, un auspicio purtroppo difficilmente realizzabile al di là del protocollo formale.





Tags:

Speak up! Fateci sapere cosa ne pensate.